Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

La disruption, il futuro digitale e la privacy (Cortina, giorno 4)

leave a comment »

Giuseppe Granieri, Raffaella Menichini e Mario Tedeschini Lalli

Giuseppe Granieri, Raffaella Menichini e Mario Tedeschini Lalli sul futuro dell’informazione – 10 luglio 2014

«Hai organizzato davvero un bel ciclo di lezioni». Quando un giornalista ultrasettantenne mi ha detto questa frase e in questi quattro giorni gli argomenti delle lezioni sono stati il data journalism, l’architettura dell’informazione, il civic journalism e la “disruption” del giornalismo tradizionale, un po’ di legittimo e umano orgoglio mi è rimasto (anche se avesse un po’ esagerato, come è possibile). Il merito, ovviamente, è stato di chi ha saputo raccontare quegli argomenti in modo originale, ossia dei relatori.

Gli ultimi, last but not least, sono stati Mario Tedeschini Lalli, Raffaella Menichini e Giuseppe Granieri: personalità diverse, unite però da un filo conduttore: il giornalismo sopravvissuto fino agli anni ’90 è morto, a prescindere dal supporto che si usa.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

11/07/2014 at 7:00 am

Comunità, fact checking e tutela dei minori (Cortina, giorno 3)

leave a comment »

Sergio Maistrello Giorgio Jannis

Sergio Maistrello e Giorgio Jannis hanno approfondito il rapporto fra comunità e giornalismo e il fact checking – 9 luglio 2014

«Ossigeno per il cervello» ha detto alla fine della mattinata uno dei partecipanti alla terza giornata del corso di formazione dell’Ordine dei giornalisti del Veneto sulle nuove tecnologie a “Cortina tra le righe”. Si era parlato di giornalismo e comunità e di fact checking: due materie soltanto apparentemente diverse, riunite da un minimo comun denominatore, ossia il giornalista che non è più soltanto controllore ma è anche controllato: i cittadini, che un tempo erano utenti passivi, ora – se lo vogliono – possono diventare sempre più attivi. «I giornali non devono dar voce ai territori, i territori sono eloquenti, basta ascoltarli» ha sintetizzato Jannis. Maistrello ha ripreso il discorso da dove Jannis lo aveva lasciato e ha approfondito un tema poco praticato nel giornalismo italiano: il fact checking, la verifica puntuale dei fatti contenuti in un articolo, che non è mai appartenuto alla cultura giornalistica nazionale.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

10/07/2014 at 6:30 am

Architettura dell’informazione e migranti (Cortina, giorno 2)

leave a comment »

 

Federico Badaloni Federico Parrella

Federico Badaloni e Federico Parrella spiegano le basi dell’architettura dell’informazione – 8 luglio 2014

Architettura dell’informazione, user experience, UX: gli architetti dell’informazione finora sono stati bravi a progettare siti per continuare a mettere le persone al centro dei siti che realizzano ma non sono ancora riusciti a trovare un nome – come dire? – sexy per la materia di cui si occupano. Nonostante questo non c’era praticamente un posto libero nella sala congressi dell’hotel Savoia di Cortina per seguire la lezione di Federico Badaloni e Federico Parrella al corso di formazione dell’Ordine dei giornalisti del Veneto. E la conclusione è stata unanime, sia fra i giovani sia fra quelli un po’ più attempati: ha avuto torto chi non è venuto. Si sono evidentemente incontrate – e lo si è capito anche alla fine, quando i relatori hanno faticato a lasciare la sala, tanti erano coloro che volevano continuare a discutere con loro – l’esigenza di molti giornalisti di capire e carpire i segreti della progettazione di un sito e la chiarezza espositiva di Federico & Federico.

Leggi il seguito di questo post »

Dati, sensori, cause legali e deontologia (Cortina, giorno 1)

leave a comment »

Mauro Amadori Cimarelli e Corsato

Mauro, Amadori, Cimarelli e Corsato al Savoia di Cortina per il corso di formazione – 7 luglio 2014

Non abbiamo cominciato con un argomento semplice la settimana dei corsi di formazione dell’Ordine dei giornalisti a Cortina: data journalism e sensor journalism non sono temi ancora alla portata di tutti in Italia e non è facile trovare chiavi di lettura che riescano a includere i profani e i più esperti. A dire il vero, non è facile neppure trovare giornalisti che abbiamo familiarità con il sensor journalism in Italia, tanto che per questa parte abbiamo invitato un non giornalista, Luca Corsato, che da qualche mese è uno degli animatori del progetto “Acqualta – civic hacking in Venezia from #opendatavenezia” e che ha mostrato alcune delle possibilità di contaminazione fra esigenze giornalistiche ed esigenze dei cittadini (io su questo argomento ho opinioni più radicali, ma non è il momento giusto per esporle).

Leggi il seguito di questo post »

Il non giornalista diventa social media editor: anche questa è innovazione

leave a comment »

Santoro Linkedin 12.1.14

Questa mattina la prima persona accostata al profilo Linkedin di Pier Luca Santoro è Anna Masera, ex social media editor della Stampa (in aspettativa per un anno) e ora responsabile della comunicazione della Camera dei deputati. Non so nulla dell’algoritmo che governa le scelte di Linkedin, però in questo caso c’ha azzeccato: Pier Luca Santoro da oggi è il social media editor della Stampa. Notiziola da ventesima pagina di una rivista specializzata, se non fosse per un dettaglio: Santoro non è un giornalista: non lo è in Italia perché non è iscritto all’Ordine, ma difficilmente fino ad oggi sarebbe considerato tale anche con i criteri statunitensi o britannici o tedeschi.

Ecco perché, almeno nel mondo dell’informazione, si tratta di una piccola rivoluzione, di un cambiamento di prospettiva, di una sfida partita dai vertici giornalistici della Stampa e raccolta da Santoro, che in questi anni si è sì occupato di social network, ma come analista. Un lavoro completamente diverso, insomma, dalla direzione e gestione degli account di un’importante testata nazionale.

Non so se finirà bene o male, ma so che si tratta di una strada nuova e stimolante, innovativa oserei dire: il posto di Anna Masera (che in queste settimane è stato piuttosto ambito) non è stato affidato a una persona sulla base dei titoli (dal tesserino di iscrizione all’Ordine alla carriera all’interno di una redazione) ma sulla base di quelle che vengono ritenute le sue capacità. Per il nostro mercato del lavoro è già un successo.

Ecco l’articolo di Mario Calabresi, direttore della Stampa, che spiega la scelta di Pier Luca Santoro (che rimarrà in carica fino alla fine di febbraio): “Porte aperte agli innovatori della Rete”.

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

13/01/2014 at 5:00 pm

Due modi per affrontare le sfide

leave a comment »

Ci sono due modi principali per affrontare le sfide che il giornalismo (termine usato sempre per comodità, non serve che lo ripeta) deve affrontare in questi anni di crisi: uno è analogico con mezzi digitali e uno è digitale con mezzi digitali. Il primo dimentica gli insegnamenti del passato, il secondo li fa propri e li perfeziona.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

02/09/2013 at 10:19 pm

Manning e Snowden: l’eterna battaglia indefettibile fra il potere e i cittadini

leave a comment »

Non so da dove nasca il pensiero secondo il quale il potere democratico sia un potere intrinsecamente più buono di altri tipi di potere. E tuttavia in questi giorni sembrano essere in molti a dover riaprire un libro forse chiuso troppo velocemente ai tempi del liceo o dell’università: il Leviatano di Thomas Hobbes. Quantomeno tutti coloro che mostrano sincera indignazione per la condanna a 35 anni di Bradley Manning, il militare statunitense che ha fornito a Wikileaks moltissimi documenti, più o meno segreti, dell’amministrazione Usa, e per la decisione della polizia britannica di trattenere per 9 ore (il massimo consentito) David Miranda, il consorte di Glenn Greenwald, il commentatore del Guardian che ha un rapporto privilegiato con Edward Snowden, la talpa dell’amministrazione statunitense che ha portato alla luce i programmi di sorveglianza dell’agenzia per la sicurezza nazionale (Prism, ma non soltanto).

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

23/08/2013 at 12:06 am