Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Il corrispondente inutile

with 2 comments

Quando questo blog ancora non esisteva, Luca Sofri fu più dotto (oltre che caustico) e chiamò la sua entry "Il corrispondente nell’era della sua riproducibilità tecnica"; io mi limiterò a parlare di "corrispondente inutile". Ieri, ma è soltanto l’ultimo esempio, ho visto sul notiziario di Sky, aggiornato e pronto sulla notizia più degli altri secondo la pubblicità che ci viene regolarmente propinata, un servizio su una sorta di attentato a un autosalone di Barcellona (che era avvenuto ore prima, non qualche minuto prima). Non so quanto sia durato il servizio – 40 secondi, forse un minuto – so soltanto che dallo studio di Sky hanno dato la linea al corrispondente a Madrid e costui (non ricordo il nome, ma non è importante) ha parlato mentre sullo schermo è rimasta immobile una carta geografica della Spagna. Ora io credo che un qualsiasi praticante (con tutto il rispetto per i praticanti) sarebbe riuscito a mettere insieme lo stesso servizio con tre o quattro lanci di agenzia e quel servizio lo avrebbero potuto leggere i conduttori, magari facendolo precedere da frasi come "Riferisce l’Ansa" o "Apprendiamo dall’agenzia spagnola Efe" o "Scrive la Reuters". Di che utilità è stato il corrispondente da Madrid?

E di che utilità fu, a suo tempo, il corrispondente della Rai dalla Russia, Sergio Canciani, che – non so se per colpa sua o della Rai – ci raccontò da Mosca, a 1.500 chilometri di distanza in linea d’aria, i primi due o tre giorni dell’attacco alla scuola di Beslan (qui un articolo interessante, discutibile ma interessante, di Marcello Foa, anche se è sbagliato il nome del corrispondente di Repubblica: si chiama Visetti, non Visnetti)? Il risultato fu che, attraverso le televisioni che avevano telecamere e giornalisti sul posto (Cnn, Fox e Bbc quelle che guardavo io), ebbi per giorni aggiornamenti migliori di quelli che mi poteva dare Canciani; l’effetto – tragico o comico a seconda dei punti di vista – fu che la Rai (ma anche Mediaset non era presa meglio), finché non mandò un inviato e una troupe, avrebbe informato meglio i suoi spettatori affidando i servizi a un giornalista dagli studi di Roma piuttosto che al corrispondente da Mosca, che ripeteva notizie di agenzia già superate per chiunque potesse ricevere la tv via satellite. Si potrebbe continuare anche con esempi di notizie nazionali o regionali, su tv piccole o grandi, ma la storia non cambierebbe, aumenterebbe soltanto il numero degli esempi e la lunghezza, per una volta abbastanza contenuta, del mio post.

A proposito: in tutto questo la velocità della comunicazione via internet non c’entra un piffero, qui si parla soltanto di modi diversi di fare il giornalista (e il direttore).

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

16/07/2005 a 9:24 pm

Pubblicato su Uncategorized

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Corrispondenti inutili

    Carlo Felice Della Pasqua si chiede a cosa servono i corrispondenti dall’estero dei TG, che riportano di notizie svoltesi nei paesi in cui lavorano ma sulle quali si sono informati grazie a TV ed agenzie esattamente come avrebbe potuto fare un giornalista

    Paolo's Weblog.

    21/07/2005 at 10:12 am

  2. Sovrabbondanza giornalistica

    I corrispondenti nell’era di Internet sembrano inutili? Pensate, cari Paolo e Carlo Felice, che in questo momento, al Gr Rai del Friuli-Venezia Giulia, il giornalista in studio a Trieste passa la linea al giornalista dello studio di Udine che legge…

    Cips

    21/07/2005 at 12:39 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: