Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Archive for febbraio 2007

Il segreto professionale americano e italiano

leave a comment »

Leggo da Paolo Ferrandi che un professore di diritto dell’Università di Chicago ha scritto due giorni fa un articolo sul New York Times per sollecitare il nuovo congresso democratico ad approvare una legge che tuteli il segreto professionale dei giornalisti anche a livello federale, e non solo a livello di singoli Stati. Nello stesso tempo Geoffrey R. Stone ha anche sollecitato i giornalisti a non pretendere il massimo e ad accettare anche una legge con qualche lacuna, visto che "la perfezione non è nemica del buono". Non per nulla l’articolo è intitolato: "Mezzo scudo è meglio di nessuno". Certo, immagino che gli americani avranno il problema di identificare chi può essere ritenuto giornalista e chi può quindi essere coperto da quella legge, se sarà approvata.

In Italia sappiamo benissimo chi può opporre il segreto professionale a un magistrato, visto che l’articolo 200 del codice di procedura penale prevede che quel tipo di segreto, che ho già spiegato essere quasi assoluto, è utilizzabile soltanto dai giornalisti professionisti iscritti all’Ordine in un determinato elenco. Fuori quindi i cosiddetti pubblicisti e i praticanti, che posso essere costretti a rivelare qualsiasi tipo di segreto (anche se ho visto più volte utilizzare un trucchetto: la risposta del pubblicista è: "la notizia l’ho scritta perché me l’ha detta Tizio e di lui mi fido", dove con Tizio si intende un giornalista professionista che poi può avvalersi del segreto professionale; sarà anche una magra figura per il pubblicista, ma per ora ha funzionato in vari casi che mi sono capitati sott’occhio).

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

23/02/2007 at 9:28 am

Pubblicato su Uncategorized

Pollari ed io

leave a comment »

Non pensate che non sappia fare una graduatoria dell’importanza delle informazioni, però io non vedo una grande differenza fra l’ex capo del Sismi Nicolò Pollari, che sostiene di non potersi difendere appieno perché rivelerebbe segreti di Stato se parlasse della vicenda del rapimento di Abu Omar per cui è stato rinviato a giudizio, e il sottoscritto (o un altro giornalista) che può venir condannato perché ci sono momenti in cui la legge deontologica universale del giornalista impone di mantenere il segreto sulle fonti di informazione mentre la legge dello Stato impone di rivelarle. Da notare che, contrariamente a quanto credono in molti, a Pollari la legge italiana consente di rivelare quei segreti (e lo consentirebbe anche quella di riforma dei servizi segreti da poco approvata dalla Camera, in processi che riguardano la libertà delle persone, come quello per il rapimento di Abu Omar), come ha spiegato sulla Stampa un giurista del calibro di Carlo Federico Grosso.

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

19/02/2007 at 1:40 am

Pubblicato su Uncategorized

Povera cronaca giudiziaria!

leave a comment »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

01/02/2007 at 10:36 am

Pubblicato su Uncategorized