Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

TimesSelect addio, gratis si guadagna di più: la rivoluzione di Google e Yahoo!

with 3 comments

Quando vedrete questo post, probabilmente sarete già in grado di leggere gli editorialisti del New York Times senza bisogno di essere abbonati a TimesSelect. La decisione, che era stata anticipata un mese e mezzo fa dal New York Post e da altri siti online (e ambiguamente smentita dal Times), ora è diventata ufficiale (mi rimborseranno ovviamente anche i dieci mesi e passa che ho già pagato, anche se non ho ancora capito esattamente come: per ora c’è scritto soltanto che "those who have paid in advance for access to TimesSelect will be reimbursed on a prorated basis").

Il motivo è spiegato chiaramente nel primo paragrafo dell’articolo: le entrate degli abbonamenti agli editoriali e all’archivio (anche questo viene "liberato") non sono in grado di competere con l’aumento delle entrate pubblicitarie che si ottengono con un sito internet completamente gratuito: "The New York Times will stop charging for access to parts of its Web site, effective at midnight Tuesday night, reflecting a growing view in the industry that subscription fees cannot outweigh the potential ad revenue from increased traffic on a free site". Gli abbonati crescevano, ma non abbastanza: "our projections for growth on that paid subscriber base were low, compared to the growth of online advertising". Il Times lo ammette: non aveva previsto il fenomenale aumento del traffico generato da alcuni portali e motori di ricerca: "What wasn’t anticipated was the explosion in how much of our traffic would be generated by Google, by Yahoo and some others".

Proviamo a pensarci seriamente: questo rischia di essere un passaggio fondamentale, con ripercussioni che vanno ben al di là del fatto che non pagheremo più una cinquantina di dollari per leggere Maureen Dowd o Thomas Friedman o Paul Krugman. Questo significa che un gruppo come quello del NYT, che ha un sito web costoso e all’avanguardia, ha ammesso che il modello economico che funziona di più su internet è quello del giornale gratuito. Credo che anche altri non potranno rimanere indifferenti. E credo che pure qualche editore nostrano dovrebbe meditare sui fatto che non è possibile far pagare 139 euro (il triplo di quanto costava TimesSelect) l’accesso per un anno alla "Città di Salerno" (ho fatto un esempio a caso fra i quotidiani locali del gruppo Espresso).

CORREZIONE DEL 18 SETTEMBRE ALLE 19.20. TimesSelect finirà alla mezzanotte (ora di New York) di questa sera, non è finito ieri come ho scritto erroneamente nel post.

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

18/09/2007 a 1:14 am

Pubblicato su Uncategorized

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. …e da noi si va dall’altra parte, verso il baratro.

    Cips

    18/09/2007 at 12:30 pm

  2. Complimenti per il sito, tornerò spesso a visitarlo… se vi va fate un salto su http://www.webirishpub.net/ che mi trovate in chat. A presto 🙂

    vanessola

    09/07/2008 at 4:53 am

  3. Recently go on the Internet TV channels I stumbled upon on this and am happy to provide it to you. I was surprised, but the channel was obsolyutno free 24 / 7. Watch and enjoy.
    [url=http://www.hqtube.com/?8212000000]Look TV Video[/url]

    JuliannaGetz

    10/08/2008 at 4:16 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: