Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Hi everybody, back home after recovering from a heart attack

with 7 comments

Qualcuno di voi lo sa, qualcun altro no: mercoledì scorso ho avuto un infarto. Non fortissimo, per fortuna, ma sono rimasto in ospedale a Treviso fino a oggi pomeriggio. Un piccolo infarto, che però ha permesso ai medici di scoprire altri problemi alle coronarie (ho avuto anche un intervento di angioplastica alla coronaria anteriore) e mi obbligherà a cambiare un po’ stile di vita e a ridurre lo stress sul lavoro: non dovrò rinunciare a tutti i costi alla qualifica di caposervizio al Gazzettino, dovrò semplicemente verificare se posso esercitarla con uno stress inferiore a quello realmente eccessivo di questi ultimi sei mesi. Io credo di poterlo fare, ma non sono l’unico che può creare le condizioni perché questo avvenga.

Per adesso mi godo il ritorno a casa: mia moglie Anna, la mia gatta Miła, i miei genitori, mio fratello, mia suocera; oltre ai medici, agli infermieri e agli inservienti, vorrei ringraziare – non lo scrivo perché si usa, credetemi, lo capirete fra qualche riga – tutti gli amici e conoscenti che sono venuti a trovarmi; quelli che hanno scritto mail, sms, post sui blog, messaggi su Twitter, su Facebook, su Flickr o chissà dove altro; quelli che che non hanno scritto e hanno semplicemente pensato alla mia salute. Tutti quelli che mi hanno dedicato anche soltanto pochi secondi della loro vita e che mi hanno dato forza. Perché la cosa che mi ha emozionato in un modo inimmaginabile, nei cinque giorni in cui sono rimasto lì, quella che ha rischiato di abbattermi psicologicamente, è che sono passato in quasi tutti i reparti nei quali avevano portato Andrea poco più di un anno fa. Io ero lì anche allora, ad aspettare buone notizie che non sono mai arrivate. Oggi ho rivisto l’ingiustizia della vita e della morte.

E questa deve essere una lezione. Per me prima di tutto.

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

23/09/2007 a 11:19 pm

Pubblicato su Uncategorized

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ora è il caso di rilassarti un po’ e non lasciarti schiacciare dagli stress del lavoro. Qualcuno si accorgerà, mi auguro, dei turni e degli orari folli che fai.
    Un abbraccio a te e Anna. Anzi… saluta anche Mila, che poi si offende.

    Zozo

    23/09/2007 at 11:43 pm

  2. Sono felice di rileggerti!

    carla

    24/09/2007 at 12:54 am

  3. Mi dispiace veramente tanto ma sono contento che ora tu stia meglio.
    A presto 🙂

    Luca Conti

    24/09/2007 at 10:54 am

  4. Auguri Carlo Felice. Riposati e riprenditi, che, come promesso, vengo a trovarti presto.

    Daniele Minotti

    24/09/2007 at 10:02 pm

  5. ciao Carlo Felice,
    bentornato a casa.

  6. Leggo, penso (a tuo fratello, allo stress del mestiere), e mi accodo al get well soon. But not sooner that your body asks you to.

    tommaso b.

    25/09/2007 at 10:48 am

  7. Tileggo a volte e non sapevo di questa brutta avventura, felice di poterlo fare ancora.
    Auguroni!

    stefigno

    25/09/2007 at 3:44 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: