Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Pubblicazione di atti e la confusione dell’avvocato sul caso Berlusconi – Saccà

with one comment

A proposito della querelle sulla pubblicazione dell’intercettazione telefonica della conversazione fra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà, leggo l’articolo dell’avvocato Antonello Tomanelli su "Difesa dell’informazione". Si intitola "Lecita la pubblicazione delle intercettazioni tra Saccà e Berlusconi" e fa un po’ di confusione.

Procederò per punti. Rapidamente, cercando di non annoiarvi.
1. Quei sette minuti di conversazione sono un esempio di certi perversi rapporti fra informazione e potere. Rapporti che secondo me (vado a naso) sono purtroppo più frequenti di quanto si creda.
2. A prescindere da ogni altra considerazione, Saccà dovrà scontare la giusta pena per la sua mala gestio.
3. La registrazione va conservata e fatta ascoltare come esempio negativo a tutti coloro che vogliono diventare giornalisti o dirigenti di società editoriali.
4. Non riesco a capire perché ben pochi si occupino del senatore del centrosinistra che si sarebbe venduto in cambio dell’assunzione di un’attrice.
5. La pubblicazione di quell’intercettazione non era lecita. L’avvocato Tomanelli sostiene che non vi è alcuna violazione del diritto alla privacy e lascio ad altri più esperti di me le sue argomentazioni, io sostengo soltanto che questo non significa che quella conversazione fosse pubblicabile, almeno stando all’attuale codice di procedura penale (cosa diversa è che sia moralmente giusto che sia stata pubblicata).

Breve spiegazione dell’ultimo punto.
Il secondo comma dell’articolo 114 del codice di procedura penale afferma: "È vietata la pubblicazione, anche parziale, degli atti non più coperti dal segreto fino a che non siano concluse le indagini preliminari ovvero fino al termine dell’udienza preliminare". E questo è il caso: siamo prima dell’udienza preliminare ed è stato pubblicato un atto del procedimento penale, anche se non più coperto da segreto (per questo si veda l’articolo 329 del codice di procedura penale, non mi dilungherò oltre). Comunque chi ha pubblicato quell’intercettazione sul sito dell’Espresso rischia ben poco: al massimo un’ammenda di 258 euro e 23 centesimi.

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

24/12/2007 a 12:27 am

Pubblicato su Uncategorized

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Lascia che sottolinei un dettaglio. E’ l’editore a dover pagare i 258 euro e 23 centesimi e non più il giornalista.
    Questa sostanziale modifica venne apportata dal governo Berlusconi, permettendo de facto ai giornalisti che hanno un editore ricco, come Berlusconi, maggiore …ehm… libertà.
    Come si dice? Chi è causa del suo mal …
    Il fatto costituiva notizia, anzi, è stato proprio uno scoop, e l’argomento era rilevante, considerando che Saccà è un dipendente pubblico.
    La telefonata non aveva carattere privato: non stavano corrispondendosi amorosi sensi, stavano cercando di attuare una crisi di governo usando illecitamente la RAI.
    Concordo con il presidente dell’ordine: era doveroso dare la notizia.
    Anche io sarei curioso di sapere chi era il senatore ‘cabriolet’.

    anonimo italiano

    27/12/2007 at 9:47 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: