Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Ogni lettore ha il giornale che si merita

with 7 comments

Ma non esiste un editore che abbia il coraggio di fare un giornale
serio? Senza l’oroscopo, senza titolisti, senza rigori negati, senza
bufale? Senza false biografie agiografiche di imprenditori, senza
passare le veline degli uffici stampa. Con poca politica, un minimo di
cronaca non morbosa, tutte le inchieste che i soldi che ci sono
permettono (lo so che costano).

Io mi abbono, lo giuro.

Massimo Morelli in un commento a un post di Massimo Mantellini sulla meningite.

A parte la storia dei titolisti, che non capisco (il problema non è avere persone che fanno i titoli, è avere persone che fanno i titoli giusti), mi abbonerei anch’io. Però devo insistere su una cosa che mi è cara e ripeterla fino alla noia: la colpa della scarsa attendibilità di molti giornali dipende sia dalla mancanza di coraggio di editori, direttori e giornalisti, che ritengono che gonfiare una notizia la renda più leggibile e appetibile per il pubblico, sia dall’ignavia dei lettori: a molti di loro interessa poco che la notizia sia falsa, interessa di più che dia ragione alle proprie opinioni. Vanno in edicola e comprano il giornale che li ha ingannati il giorno prima, sono gli stessi che non andrebbero mai al supermercato a comprare lo stesso caffè cattivo che hanno appena buttato via.

Questo non significa che i giornali non debbano cambiare, non siano obbligati a cambiare. Perché Beppe Grillo non ha ragione, ed è facile da dimostrare, ma se va avanti così troverà sempre più persone che per opportunità sono pronte a dargli ragione. E potrà continuare a scrivere cose che, fortunatamente, valgono soltanto per una minima parte di (pseudo)giornalisti: "Gli ultimi a sapere in Italia sono sempre i giornalisti. Sono specializzati nelle notizie post datate. Le danno quando possono. E possono darle quando ricevono l’ordine di scriverle". Questo era in un post di oggi su Alitalia. Beppe, sei un po’ in ritardo anche tu: post su Alitalia ne hai già pubblicati più d’uno, come mai scrivi soltanto adesso quello che avresti potuto dire ben prima? Tu non hai padroni e avresti potuto farlo, no?

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

30/12/2007 a 4:28 pm

Pubblicato su Uncategorized

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mah, se guardiamo la TV i programmi mediamente più seguiti sono quelli di informazione: telegiornali, programmi ‘di approfondimento’ (che poi non approfondiscono un bel nulla e sono solo vetrine)
    Che poi siano loro stessi (come la TV) dei “programmi contenitore”, ben poco informtivi non è del tutto colpa degli utenti ….
    … ma possibile che tra i pochi a fare “indagini sul campo” mi vengano in mente solo “striscia la notizia” e Beppe Grillo?
    Ma gli altri fanno solo rilanci di agenzie?
    Scusa la polemica. Non ce l’ho con te, anzi. Il fatto è che mi sembra che l’idea del “reportage” sia sempre più estranea al giornalimo di questi giorni
    Prontissimo a ricredermi, se del caso
    In ogni caso buon anno.

    Herr Doktor

    30/12/2007 at 6:28 pm

  2. Il problema è che Grillo troverà sempre più blogger disposti a credergli.
    Io non ho mai fatto la uerra ai blogger, ma sono loro a farla ai giornalisti, ormai per vezzo, credo.

    Andrea

    30/12/2007 at 6:45 pm

  3. Riguardo ai titoli, forse Morelli si riferiva ai “titolisti etilici”, come li definisce il titolare di Daveblog. 😉

    svaroschi

    30/12/2007 at 7:11 pm

  4. Infatti. Ormai tutti i giornali sono passati ad uno stile di titoli francamente ridicolo. Un lascito di Feltri, forse. Sono questi titolisti che mi piacerebbe abolire.
    Poi credo che tu abbia in parte ragione a dare la colpa ai lettori. Però ad inseguire la maggioranza si finisce con il perdere la minoranza. L’unico giornale a cui sono abbonato ora non è italiano.

    Massimo Morelli

    30/12/2007 at 7:41 pm

  5. Forse ne parla solo ora perché come aveva già detto 2 anni prima “Alitalia diventerà una compagnia low-cost, a basso costo, di Air France perché Berlusconi e Lunardi l’hanno svenduta” magari voleva solo essere sicuro di quello che aveva detto, o magari non gliene frega nulla, ha un blog mica il Corriere (anche se a momenti più letto) … non credo sia questo il problema.
    I giornali li leggo solo online e ne hanno parlato di Alitalia, ma come? I giornalisti quelli che fanno il loro mestiere fanno inchieste e spesso rischiano la pelle, vanno a fondo alle questioni e non si limitano a notizie sommarie o riportare stralci di agenzia, l’informazione in Italia è poca e quella poca e fasulla, con questo non voglio dire che sia colpa dei giornalisti, anche loro devono pagare le bollette … credo che sia la categoria più sofferente in questo momento, almeno quelli che vorrebbero fare il giornalismo serio … gli altri sono felici di servire purché a pancia piena!
    Buon Anno.

    UMI

    30/12/2007 at 8:11 pm

  6. Francamente non ho capito sta storia degli articoli su Alitalia. Qualcuno dice che i giornali italiani non hanno mai parlato dei disastri di Alitalia? Ma dove vivete? O semplicemente, leggete i giornali qualche volta? Non dico cose strane, basta l’Espresso o Repubblica. Negli ultimi anni ricordo pezzi su pezzi su gli stipendi dei piloti, sulle hostess andate in pensione a 35 anni, sui buchi di bilancio, sull’ufficio che inventa i nomi dei nuovi aerei, sui manager di nomina politica…Ci sono milioni di motivi per criticare la stampa italiana, però bisognerebbe almeno leggerla

    emanuele chesi

    03/01/2008 at 5:49 pm

  7. No, non esiste, poiché quelle cose portano tanti soldi nelle tasche degli editori!

    Nicola

    24/01/2008 at 5:05 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: