Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Archive for febbraio 2008

Bettio, SS e dintorni: quando la politica strumentalizza i blog

with 11 comments

Una volta erano soltanto siti per pochi eletti, ora si stanno diffondendo e rischiano le stesse strumentalizzazioni di tante altre forme di comunicazione. I blog, naturalmente. Ne parlo perché è accaduto a me, proprio oggi pomeriggio.

Vi ricordate quel consigliere comunale di Treviso, Giorgio Bettio, che parlò della legge del taglione e delle SS («Uno a dieci»)? Era l’inizio di dicembre e le sue parole occuparono per un paio di giorni anche qualche colonna sui giornali nazionali. Io ne scrissi su questo blog, semplicemente per dire che la citazione delle parole fatta prima dall’Ansa e poi dai quotidiani online era sbagliata, che Bettio non aveva mai detto le parole che gli venivano attribuite. Basta leggersi il post per capire che non ero entrato nel merito (e me ne sarei ben guardato, visto che disapprovavo comunque il contenuto del suo intervento). Insomma, in piccolo ho scritto una cosa simile alla ben più completa analisi dell’intervista di Oriana Fallaci a Kissinger fatta da Mario Tedeschini Lalli. Bettio oggi ha annunciato in consiglio comunale il cambio di partito, dalla Lega Nord a Progetto Nordest, e nel corso del suo intervento mi ha citato. A sproposito. Il pdf della parte che mi riguarda lo trovate qui, in sostanza ha cercato di utilizzare il mio post per accreditare la tesi che l’interpretazione data alle sue parole era falsa e tendenziosa, che lui non aveva mai detto niente neppure lontanamente simile a ciò che gli era stato attribuito.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

26/02/2008 at 8:22 pm

Pubblicato su Uncategorized

«We Don’t Hire Editors Anymore»

with one comment

Sono soltanto piccoli segnali, certo, ma sono segnali che parlano chiaramente: l’editore di una rivista americana sostiene che non assumerà più editors (capiservizio, con una traduzione libera adattata al modello italiano) ma soltanto "content strategists". E Alan D. Mutter, come scrive anche Mario Tedeschini Lalli, rompe un altro tabù con un post riassumibile in un paio di domande: servono davvero tutti i capiservizio che affollano soprattutto le redazioni dei maggiori giornali e le aziende editoriali possono continuare a permetterseli?

Non so quale sia la strada giusta per il nostro giornalismo, però di queste cose dobbiamo cominciare a discutere seriamente anche in Italia, suvvia! Altrimenti non resteremo indietro di soli 2-3 anni rispetto agli Stati Uniti. È tempo di cominciare a parlare un linguaggio più moderno: che non è quello della maggior parte degli editori italiani attuali, ma neppure quello della maggior parte dei giornalisti (per un esempio eclatante, che non riguarda soltanto la mia categoria, (s)fortunatamente, si veda questo video su YouTube tratto da una recente puntata di "Porta a porta").

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

25/02/2008 at 2:12 am

Pubblicato su Uncategorized

Fugaci impressioni

with 3 comments

A volte, quando sento dirigenti di giornali anche medio-grandi (e non parlo del mio) parlare del loro sito internet, ho la netta sensazione che non sappiano di che cosa stiano parlando, che non sappiano niente di interattività e conversazioni, che pensino semplicemente che il progresso tecnologico abbia portato con sè anche la possibilità di scrivere "con i bit" quello che una volta veniva scritto soltanto con l’inchiostro. Continuano a perdere copie di carta, non capiscono bene i motivi e cercano di supplire alle minori entrate con tagli alle spese, anche a quelle utili.

Non so se si era capito, ma sono in uno stato d’animo un po’ negativo. Sarà perché da una settimana Anna non è qui (ma torna lunedì), sarà perché stasera ho sbattuto l’auto tornando a casa (niente di grave, ma pur sempre qualche centinaio di euro regalato a un carrozziere).

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

01/02/2008 at 1:54 am

Pubblicato su Uncategorized