Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

Archive for agosto 2010

Uso delle virgolette: minimalismo ma non troppo

leave a comment »

Vorrei fondare il Mipidd (Movimento intergalattico per il discorso diretto) o il Micvac (Movimento intergalattico contro le virgolette a cazzo). I soci forse non sarebbero molti, ma sarebbero sicuramente buoni e sarebbero tutti coloro che odiano titoli o testi (su giornali, tv, radio, internet, ovunque) fra virgolette, perché attribuiti a qualcuno, ma che nessuno ha mai detto perché sono le cosiddette "sintesi giornalistiche". Che è una bella espressione per far dire a qualcuno qualcosa che non ha mai detto. Avete presente quelle frasi tipo: "Io, nell'inferno del Pakistan" oppure "Juventus, arrivo!" oppure "Niente furbate, processo breve è priorità"? Pago una cena (anche due, crepi l'avarizia) a chi è in grado di dimostrarmi che un turista, un giocatore di calcio o un politico in questi giorni abbiano detto queste frasi, tutte tratte da titoli di giornali e tutte fra virgolette. Ho parlato di titoli, ma lo stesso ragionamento vale spesso per i testi, soprattutto per le interviste.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

21/08/2010 at 5:27 pm

“Far notizia” non è una bestemmia, è il nostro lavoro

leave a comment »

Ha detto il patriarca di Venezia Angelo Scola, in un'intervista a Sky, che i mezzi di comunicazione commettono un errore di prospettiva parlando del meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, perché mettono in evidenza soprattutto gli aspetti politici. E questo errore, dice Scola, è provocato da un "ossessivo bisogno di far notizia". Perché, di grazia, che cosa dovrebbero fare i mezzi di comunicazione? L'ossessivo bisogno di far notizia è la loro missione.

Chissà perché "far notizia" è diventato per molti sinonimo di "inventarsi le notizie" o "dare notizie esagerate".

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

21/08/2010 at 1:33 am

Pubblicato su Uncategorized

Tagged with , ,

Contra Tombolinos: in difesa dei contenuti giornalistici

with one comment

le mie considerazioni sono tutte debitrici di un mio personale postulato, secondo il quale i contenuti sono sempre, sono sempre stati, e sempre saranno gratuiti. Ad essere (eventualmente) pagato è il formato, il package, la forma-prodotto in cui vengono resi disponibili. Non sto qui a motivare, mi basti un accenno un po' semplicistico, ma che rende l'idea: la Divina Commedia costa come l'ultimo dei romanzetti proprio perché a essere pagato è il formato-libro, e non il suo contenuto. Così è anche per i giornali: le news e gli articoli buttati lì nel flusso più o meno informe e automatico di un sito web non possono che essere gratuiti. Ma nulla impedisce di creare forme-prodotto digitali per le quali l'utente è disponibile a pagare un prezzo.

Antonio Tombolini

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

20/08/2010 at 11:53 am

Idiosincrasie (off-topic)

with one comment

Detesto le persone che firmano o si presentano con il cognome prima del nome.

Questa con il giornalismo non c'entra nulla, ma dovevo dirla.

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

19/08/2010 at 10:34 pm

Pubblicato su Uncategorized

Tagged with ,

Pigra xenofobia: la differenza fra poliziotti e giornalisti

leave a comment »

Non ricordo su quale canale televisivo e non ricordo esattamente quando (la settimana scorsa, non so essere più preciso), ma non è importante. Disse il giornalista che il crimine (era una notizia di cronaca nera) era stato commesso da "una brasiliana con passaporto italiano". Quindi era stato commesso da un'italiana: perché sottolineare la sua origine brasiliana? Avete mai sentito un telecronista di calcio dire che Klose, l'attaccante della Germania, è "un polacco con passaporto tedesco"?

Leggi il seguito di questo post »

Written by Carlo Felice Dalla Pasqua

19/08/2010 at 12:50 pm